Le donne pusher di Luang Namtha

La provincia di Luang Namtha nel nord del Laos è unica e straordinaria. Montagne dalle strane forme geometriche fanno da contorno a villaggi, molto spesso semplici capanne di paglia. La gente si arrangia come può per tirare avanti e anche le donne contribuiscono ai lavori umili nelle campagne, proprio come se fossero uomini e a Luang Namtha alcune di loro si dedicano allo spaccio di stupefacenti.

Le donne pusher di Luang Namtha

Le donne pusher di Luang Namtha

Insomma donne si, ma con la tempra da uomini nel nord del Laos. Nella città di Luang Namtha è quasi impossibile non incappare in una di loro, sono le donne pusher, nelle loro borse droghe di tutti i tipi. Le donne pusher sono facilmente riconoscibili dai loro vestiti e dai loro cappelli tipici, camminano per la strade di Luang Namtha o nel night market a caccia di turisti.

Le donne pusher sono molto socievoli e sono parte del folklore locale, sono una presenza simpatica e riverente, eliminarle, sarebbe un errore fatale, insieme a loro se ne andrebbe parte del folklore di Luang Namtha. Le donne pusher offrono ai turisti oggetti artigianali, come bracciali e cappelli, ma il loro vero business è legato alla droga. Nella provincia di Luang Namtha ci sono villaggi tribali, parte della popolazione è di fede animista, la zona è conosciuta con il nome di “triangolo d’oro”. Nel “triangolo d’oro” si producono tonnellate di oppio e negli ultimi anni anche anfetamine.

Luang Namtha

Luang Namtha

La provincia di Luang Namtha offre ai turisti stupendi trekking in montagna dove è possibile visitare le variopinte minoranze etniche del paese, occorre però una guida locale, si tratta di tour organizzati a misura di turista che in parte contribuisce a  modificare la vita delle popolazioni indigene. Un motorino o una bicicletta possono essere un’alternativa per esplorare la zona in autonomia, ma non all’interno della giungla.

Insomma ci sono un milione di motivi per visitare Luang Namtha, donne pusher incluse. Personalmente credo che non ci sia niente di male a parlare con queste donne, magari comprandogli un braccialetto. Assolutamente non bisogna comprare droghe, specialmente oppio o anfetamine per gli ovvi motivi di salute personale e per non essere complici delle organizzazioni illegali che come sempre ne traggono profitto da questi traffici illeciti. Dunque, donne pusher promosse in senso di folklore, tradizione e simpatia, ma da rivedere quello che le loro borse contengono.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...